Crisi di governo. Fallito l’esperimento M5S, per i movimenti si apre una nuova difficile fase.

Finito male il disastroso esperimento Cinque Stelle, per No Tav e le tante lotte ambientali e sociali urgono riflessioni, nuove strategie e nuove forme di lotta.

di Fabrizio Salmoni

Be’, è andata come doveva andare, anzi per il M5S anche un po’ peggio perchè sono persino riusciti a farsi scippare l’iniziativa della crisi di governo. Cosa che avrebbero dovuto fare loro già da tempo, almeno da quando, dopo le europee, Salvini ha cominciato a batterli come tamburi.

A nessun protagonista delle lotte sociali in questo Paese credo interessi il balletto istituzionale, i tempi della crisi e le eventuali soluzioni perchè qualunque sia lo sbocco della situazione non andrà a vantaggio dei movimenti sul territorio dopo la Caporetto dei 5S. Un danno enorme per chiunque voglia in futuro raccoglierne il testimone perchè è andata distrutta la credibilità di un programma, seppur prudente, di alternativa al modello di sviluppo corrente.

Era scritto che questo governo dovesse cadere sul Tav. Lo sapevano anche loro, non per niente si è cercato di posporre all’estremo ogni decisione. Ma era inevitabile, non solo perchè la Torino-Digione (questa è ormai, per decisione francese) è la più grande truffa mai perpetrata ai danni delle tasche degli italiani ma perchè soprattutto, proprio per sua natura, è il simbolo del sistema di potere dei partiti, delle lobby finanziarie, delle corporazioni, degli industriali pezzenti che chiedono alla politica linfa vitale e soldi pubblici per poter continuare a chiamarsi imprenditori. Leggi il resto dell’articolo

Annunci

M5S. La fine della pista

Con gli ultimi due eventi politici torinesi, l’assemblea M5S di venerdi 12 e la seduta del consiglio comunale di ieri lunedi 15, la sensazione è che l’avventura del Movimento sia quasi terminata. Forse non solo in Piemonte.

di Fabrizio Salmoni

Risposte chiare sul Tav non ci sono state, al di là del generico e ambiguo “Rimango No Tav ma..” di Di Maio. In compenso c’è stato il chiaro endorsement nei confronti della Appendino, suonato come evidente via libera a licenziare Montanari e a procedere sul progetto personale della sindaca. Personale perchè non condiviso nella sostanza e nella forma dalla maggioranza dei consiglieri e, da quanto si è capito in sala, anche da buona parte degli attivisti presenti.

Impressionante è stata l’intervista su La Stampa (13.7) del deputato Luca Carabetta, giovane e geniale ingegnere informatico ma politico deludente, per alcuni passaggi significativi: per lui il dissenso diventa “certi personalismi dannosi” e rifiuto “di certi meccanismi democratici“. Riesce   persino a suonare vagamente Leggi il resto dell’articolo

Mala tempora currunt

Stravince l’estrema destra, quella che gli industriali volevano per ricominciare a correre secondo le loro regole, quella dei corrotti, della mafia e dei neofascisti, quella  dei sindacati di polizia che chiedono sempre più mezzi letali per “difendersi”. Perdono i Cinque stelle per non aver mantenuto le promesse e per dilettantismo. Ora dovrebbero lasciare il governo per ricominciare con dignità.

di Fabrizio Salmoni

Proprio cosi. Non poteva andare peggio a questa Italia incattivita e tutto sommato mediamente soddisfatta delle proprie condizioni di vita se riesce a prendersela con i profughi, con l’Europa e a non prendersela con chi fa poco o niente per farla stare meglio.

Un’Italia a cui, malgrado le moine a Greta, non frega niente della salute del territorio, salvo poi piagnucolare e chiedere l’elemosina ai governi quando si allagano o crollano le case, a cui non frega niente della corruzione, salvo piagnucolare se non assumono un parente o se non ti danno un appalto, un’Italia che vuole pagare di tasca propria le grandi opere per conto delle lobby e degli industriali, che non ha memoria di un passato che comincia solo 14 mesi fa, insomma un’Italia meschina, ignorante e piagnona che si fa ammaliare dall’ennesimo “uomo forte”. Destino e anima malata di una nazione senza memoria. Leggi il resto dell’articolo

Dopo l’8 Dicembre. Butta male!

Dopo Ilva, Muos e Tap ora il governo sdogana il Terzo Valico. Sulla Torino-Lione il M5S si gioca definitivamente la sopravvivenza ma la Lega pensa alla crisi di governo per impedire una decisione favorevole al blocco. A conferma che il Tav è il nodo politico principale del cambiamento.

di Fabrizio Salmoni

Nessuno poteva pensare che la grande manifestazione No Tav di sabato 8 avrebbe chiuso la storia. Anzi, con il via libera al Terzo Valico le prospettive si fanno fosche insieme all’orizzonte del governo. Grande è lo sconcerto per il nuovo voltafaccia dopo Ilva, Muos e Tap quanto ridicole le motivazioni di Toninelli (ma a che serviva l’analisi costi/benefici se poi la decisione è incoerente?).

Il M5S si sta suicidando politicamente e viaggia verso la dissoluzione qualora le decisioni sulla Torino-Lione andassero nella stessa direzione.

Una vicenda, quella dei 5S,   che si nutre di una gestione fallimentare proprio sui punti qualificati del programma e prima ancora nel campo della trasparenza, valore fondante del Movimento: in tutti questi mesi i 5S si sono chiusi nelle loro stanze romane negandosi a chiunque chiedesse loro conto o notizie sull’andamento delle valutazioni. Anzi, imponendo d’autorità il silenzio, come ci raccontano alcuni consiglieri piemontesi. Brutti segni di timore, di insicurezza, di debolezza verso un partner di governo più debole di loro in partenza, ma che li sovrasta per irruenza, preparazione, prepotenza, comunicazione. Leggi il resto dell’articolo

TAV. La Città di Torino chiede al governo di sospendere l’Opera

La posta in gioco è un nuovo modello di sviluppo. Ora i poteri piemontesi e i vecchi partiti preparano lo scontro sociale.

di Fabrizio Salmoni

I nodi prima o poi vengono al pettine. L’approvazione (21 voti M5S + Artesio Sinistra Unita + Montalbano indipendente) da parte del consiglio comunale di Torino dell’Ordine del Giorno che chiede al governo di sospendere i lavori della Torino-Lione a Chiomonte, di esonerare il Commissario Foietta (nominato da Renzi) e il dg di Telt Mario Virano, di destinare i fondi del Tav a infrastrutture utili per la mobilità e la sicurezza del territorio, checchè ne dicano i favorevoli al Tav sottolinea un nodo cruciale della fase politica locale e nazionale. Quel nodo si chiama Grandi Opere e, in particolare per importanza, enormità del malloppo disponibile e cruda rappresentazione degli interessi e delle forze in campo, si chiama Tav.

Più della manovra economica, che si può arrangiare con qualche formula burocratica o con la sottile dilatazione dei tempi, le Grandi Opere rivelano in modo sempre più evidente che la posta in gioco è il modello di sviluppo. Leggi il resto dell’articolo

Tav. Siamo agli sgoccioli

Sarà fermato definitivamente o con un compromesso al ribasso? Tante domande e qualche riflessione.

di Fabrizio Salmoni

 

Allora, forse ci siamo. Lo dico con la cautela e la diffidenza necessarie: il mostro Tav sta per essere abbattuto. Lo dicono i segnali che arrivano da più parti e forse quello decisivo dai parlamentari della Lega che due giorni fa hanno fatto dichiarazioni conformi a quelle dei 5S: stop ai bandi degli appalti e cacciata del Commissario Foietta. Dichiarazioni che confermano sensazioni decennali: che alla Lega poco importa del Tav a fronte di altre grandi opere che gravitano su territori da essa controllati. L’hanno difeso fintantochè è durata la  sottomissione al berlusconismo che controllava cassa e voti e ha sempre pesato la loro natura di destra popolare infastidita dalle lotte sociali e dalla protesta popolare valsusina, tutte associate con enorme approssimazione ai cattivissimi “centri sociali”.

Il patto scellerato (ma obbligato dalle percentuali elettorali) di governo, anomalo finche si vuole ma frutto dei tempi che cambiano, sta facendo la differenza con il passato dei padani in attesa del momento giusto per dare un parere definitivo. Leggi il resto dell’articolo

Il Tav perde i pezzi

Torino esce dall’Osservatorio tecnico del Tav. Un evento atteso che sottrae ulteriore spazio all’opera. Gazzarra in Sala Rossa di Osvaldo Napoli (FI), Roberto Rosso (ex FI) , Davide Ricca (Lega) e  Lo Russo (Pd) per avere i titoli dei giornali e inquinare la notizia del giorno in chiave anti-Appendino. La dichiarazione finale di Chiara Appendino.

no-tav-municipio

di Fabrizio Salmoni

Pd piranha/ è finito il magna magna. Cosi i No Tav radunati sotto il Municipio hanno salutato l’uscita della Città di Torino dall’Osservatorio tecnico della Torino-Lione. Con questo atto politico, tutt’altro che innocuo, la nuova amministrazione ha tenuto a spiegare tutte le ragioni della mozione portata al voto in consiglio comunale come un’importante presa di posizione che riversa sui decisori attuali e prossimi tutte le responsabilità di voler un’opera inutile, dannosa all’ambiente, alla salute e alle tasche degli italiani con l’opposizione o quantomeno in mancanza di uno dei due poli della linea; oltre ai 23 comuni valsusini che già hanno deliberato la loro contrarietà.

Un’altra buona ragione per festeggiare questa giornata magica. Dunque:alle 19.40 di oggi  la giunta Appendino ha mantenuto l’impegno preso con il Movimento No Tav. Non è stata una passeggiata: c’è stata bagarre in Sala Rossa. La minoranza (Pd, Forza Italia e Lega) ha reagito con urla e qualche intemperanza Leggi il resto dell’articolo

Tav. Finalmente Torino esce dall’Osservatorio tecnico!

Tav: Torino vuole uscire da Osservatorio

Annunciata una mozione della maggioranza per il Consiglio comunale di Lunedi prossimo. Un percorso politico che ha visto erodersi lentamente il Pd e ha portato alla vittoria Cinque Stelle di primavera.

di Fabrizio Salmoni

Salutav! Arriva improvviso ma non inatteso il comunicato: Il Comune di Torino ha dichiarato ufficialmente di voler uscire esce dall’Osservatorio sulla Torino-Lione. La maggioranza M5S ha presentato una mozione che impegna l’amministrazione a lasciare l’organismo consultivo disertato ormai da 23 comuni di Valle e area limitrofa. Il documento dovrà essere approvato dal Consiglio comunale Lunedi prossimo. “La mozione – spiega il sindaco Chiara Appendinoci aiuta a spiegare perché siamo fortemente contrari alla Tav, un investimento che anche alla luce dei benefici dichiarati non riteniamo necessario o prioritario e pensiamo che quelle risorse andrebbero investite meglio”.

“Si metta il cuore in pace il Presidente dell’Osservatorio che si dice dispiaciuto che sia mancato confronto. – dice il senatore M5S Marco Scibona – La maggioranza M5S di Torino ha cercato di calendarizzare un consiglio comunale aperto, ma le opposizioni  hanno ritenuto di non appoggiare tale reiterata richiestarivelando l’estremo tentativo di tutte le forze politiche di impedire una pubblica discussione. Leggi il resto dell’articolo

Amministrative a Torino. Ora godiamoci la festa!

E’ caduto un regime arrogante. Ora si andranno ad aprire gli armadi e per il Pd si preannunciano tempi grami. Imploderà? All’orizzonte l’uscita di Torino dall’Osservatorio tecnico del Tav e tanti cambiamenti. Sicuramente ne vedremo delle belle.

ChiaraappendinoPer una volta dice molto bene un livido senatore Esposito: il problema non è aver perso a Roma ma aver perso a Torino. Perchè lui sa benissimo cosa comporta la sconfitta qui del Pd: non un semplice ribaltamento dei ruoli governo della città/opposizione ma lo scoperchiamento di un calderone bollente di clientelismo, patti scellerati, forse corruzione come metodo di consolidamento di un sistema durato non 23 anni ma 41, perchè le brevissime giunte social-democristiane e quella Castellani che sanci la definitiva trasformazione del partito della sinistra in partito della concertazione con Fiat, industriali e banche, hanno condiviso l’identità e gli interessi del fu partito della sinistra fin dal 1975. Da allora mai ci fu vera discontinuità. Fino ad oggi.

E in quel calderone bollente si potranno trovare documentate tante porcherie, le violazioni di norme e leggi, le complicità collegate alle grandi opere e in particolare al Tav, le illegalità che i valsusini hanno sempre denunciato da inascoltati. L’ha preannunciato il senatore 5S Airola già da questa notte: “Andremo a vedere gli archivi, faremo pulizia”. E questo sembra preludere a una lunga campagna di erosione politica del Pd fino ed oltre il referendum d’autunno. “Faremo i primi conti entro Natale” ,  dice sempre più livido l’Espocchio ma bisognerà vedere come arriverà a Natale il suo partito. Si preannunciano mesi di lunghi coltelli per un Pd diviso in bande e senza più l’appeal della cooptazione nella brodaglia del potere. Forse movimenti centrifughi, alleanze fatiscenti che si dissolvono, defezioni. Chissà, forse ne vedremo persino qualcuno in galera, finalmente.

Un preoccupato Chiamparino ha subito emesso una nota che richiede una “riflessione profonda” che sembra preludere a una resa dei conti interna dagli esiti imprevedibili.

I soliti astensionisti ideologici possono anche dire: “Adesso vediamo cosa fanno“. Certo, vediamo. Ma sta di fatto che se i 5S faranno qualcosa di buono anche i dottori di leninismo ne godranno i vantaggi senza avervi contribuito. Se ci sarà più onestà nella cosa pubblica, se Torino uscirà dall’Osservatorio tecnico del Tav, se cambieranno le politiche ambientali e del territorio, se si vedrà che almeno alcuni nodi di connivenza tra istituzioni e lobby si potranno sciogliere, se le stesse lotte sociali si avvarranno di nuovo entusiasmo e fiducia, allora chi ha sostenuto il cambiamento saprà di aver fatto la cosa giusta. Spero proprio che ne vedremo delle belle.

Intanto godiamoci i titoli stizziti de La Stampa di oggi, godiamoci la faccia terrea di Esposito, godiamoci questi giorni della nuova Liberazione. E’ caduto un regime arrogante. Ora speriamo che i nuovi sappiano mettere qualche buona base per il futuro. (F.S. 20.6.2016)

P.S. Ad Alpignano vince il ballottaggio la lista Alpignano Sicura che ha dichiarato pubblicamente di condividere l’opposizione alla Torino-Lione. Se manterranno la parola, insieme al M5S che entra in Consiglio come opposizione, almeno su quel terreno avremo una solida maggioranza No Tav, e un asse Rivalta-Alpignano-Venaria di giunte solidali.

 

Un’Italia malata

Votoeuropeo

Un ritorno di tsunami elettorale respinge a riva i 5 Stelle che contavano quasi di vincere. In Piemonte prevale Chiamparino, il vecchio che ritorna, mentre (naturalmente) resiste, anzi avanza la Val Susa, sempre più spina nel fianco del sistema. Scampoli di analisi.

di Fabrizio Salmoni

Sto leggendo i titoli de La Stampa del 27 Maggio: Pag. 30. Arrestato l’ex ministro Clini (quello delle Larghe Intese di Monti, che contrastava i magistrati di Taranto); pag.31: ‘Tutta l’Italia è diventata un’immensa discarica’“. Ascolto la radio e apprendo che il capo camorrista Iovine ha appena dichiarato ai magistrati che la malavita organizzata “non ha infiltrato la politica ma bensi le si è sovrapposta” condizionando sindaci campani di ogni colore. In altre pagine de La Stampa ci sono invece i report elettorali con la “marcia trionfale” di Renzi: il 47% dei votanti (66%) lo ha scelto. L’Italia rimane in balia di una nuova Democrazia Cristiana, tecnocratica e prepotente, di un sistema di potere clientelare e corrotto che invece di cedere si consolida malgrado le inchieste della magistratura. Un Potere forse peggiore della vecchia Dc – mi fa notare qualcuno – perchè almeno quella prevedeva e gestiva una spesa sociale. Questi tagliano, spendono e depredano. Leggi il resto dell’articolo