Oggetto sconosciuto su Malpensa

Scalo in allarme per un’ora, voli dirottati. Dopo Gatwick e Heathrow tocca al maggiore aeroporto del nord Italia subire un’incursione che lascia molti interrogativi. I media banalizzano grossolanamente. Le risposte dovrebbero competere all’Enac e ai ministeri di Difesa, Interno, Infrastrutture. Ma nessuno fa loro domande. Clamoroso seguito all’evento: una straordinaria danza di luci sopra Linate (video in fondo).

 di Fabrizio Salmoni

Sono state le piccole testate locali a diffondere la notizia dell’ennesima “intrusione” di oggetti non identificati su un aeroporto europeo, in questo caso del nostro Malpensa. Dopo i casi di Gatwick (22 dicembre 2018) e Heathrow (8 gennaio 2019), bloccati per ore, anche ripetutamente, per due giorni dalla presenza nello spazio di servizio di presunti “droni” mai altrimenti identificati (v. https://mavericknews.wordpress.com/2018/12/22/incidente-a-gatwick-aeroporto-bloccato-da-droni/ , e https://mavericknews.wordpress.com/2019/01/09/droni-britannici-dopo-gatwick-tocca-a-heathrow/ ), l’inspiegabile sequenza è continuata qui da noi.

Verso le ore 19 di domenica 3 marzo, un oggetto luminoso è stato segnalato “ad altitudine non autorizzata” a circa 5 km dalla torre di controllo al limite di una delle piste di atterraggio quindi in posizione di minacciare seriamente la sicurezza dei voli e costringendo l’autorità aeroportuale a dirottarne diversi (sette o trenta a seconda delle testimonianze. Più plausibile la seconda ipotesi sulla base dell’intensità giornaliera di traffico).

L’intruso luminoso si è poi spento scomparendo anche dai radar senza essere stato disturbato da alcuna misura di sicurezza. A traino delle varie testate locali online che hanno registrato l’accaduto sono arrivate le testatone online a fornire versioni banali e tranquillizzanti le cui contraddizioni hanno servito l’effetto opposto indicando Leggi il resto dell’articolo

Annunci

“Droni” britannici. Dopo Gatwick tocca a Heathrow

Ieri è stato bloccato Heathrow dall’incursione di uno o più velivoli non identificati che i media e le autorità continuano a chiamare droni senza che le indagini trovino una soluzione “vendibile” all’opinione pubblica. Intanto si mobilitano forze spropositate.

di Fabrizio Salmoni

E’ paradossale quanto i media riescano a occultare notizie poco convenzionali, che non offrono spiegazioni immediate e rassicuranti.

Ricordate la crisi natalizia dell’aeroporto di Gatwick, bloccato per qualche giorno dalla presenza nello spazio aereo di servizio da un numero mai precisato (due, quattro, sessantasette?) di cosiddetti “droni”(globulari, a forma di croce…? mah!)?

Be’, su La Stampa di oggi l’occhio mi è caduto su un articolo a tutta pagina titolato “Allarme dell’intelligence Usa. L’Isis vuole attaccare con i droni“. Con qualche curiosità per l’allarmismo della notizia ho affrontato la lettura accorgendomi subito che la prima metà dell’articolone era in realtà dedicato al nuovo caso di “droni” sull’altro aeroporto londinese di Heathrow: ieri, martedi 8, un Leggi il resto dell’articolo

I “droni” di Gatwick. Ultima Ora

Dopo 36 ore di arresto e interrogatori (e di gogna mediatica) sono stati rilasciati i due coniugi fermati dalla polizia come sospetti operatori dei “droni”. Ora la polizia sta cercando casa per casa nel sobborgo di Crawley, prossimo all’aeroporto.

Le informazioni giungono contradditorie al massimo: secondo il Guardian “non ci sono fotografie o video delle incursioni nello spazio aereo di Gatwick” mentre sappiamo che un video di oggetto luminoso sopra l’aeroporto è stato diffuso e pubblicato anche da Corriere e Repubblica online.

Inoltre, da parte degli investigatori si afferma clamorosamente che “c’è sempre la possibilità che non ci sia stata alcuna genuina attività di droni“. E il Sunday Times titola oggi “Dopo tutto potrebbero non esserci stati droni, secondo la polizia“. E gli avvistamenti sono diventati 67…

Quanto è probabile che una potenza straniera abbia manovrato uno “sciame” di droni militari sui cieli britannici senza preavviso o senza essere individuata anche a posteriori? Difficile pensarlo, o riconoscerlo. Più facile indirizzare i sospetti su presunti “ecoterroristi” contrari all’ampliamento dell’aeroporto ma bisognerebbe spiegare quali vantaggi ne trarrebbero, specie se non c’è rivendicazione che faccia almeno notizia.

E quali droni appaiono e scompaiono per 48 ore?

Insomma, una confusione totale che lascia sempre più perplessi. (F.S. 23.12.2018)

Incidente a Gatwick. Aeroporto bloccato da “droni”

Cosi la stampa si è affrettata a definire gli oggetti che hanno costretto per quasi 48 ore l’aeroporto alla chiusura (con conseguente caos del traffico natalizio). ma la reazione delle autorità, le solite contraddizioni della versione ufficiale e le testimonianze suscitano tante perplessità. Un buon Natale da lassù?

Alcuni oggetti volanti etichettati come “droni” hanno fermato l’ottavo aeroporto europeo per quasi 48 ore provocando l’annullamento di voli per migliaia di persone e una serie di misure straordinarie che finora non hanno chiarito la natura del fenomeno.

I fatti, secondo le cronache dei quotidiani britannici: intorno alle 21 di mercoledi 19 dicembre vengono avvistati due “droni” che si muovono “vicino a una pista” a non specificata quota. L’aeroporto si ferma poi i “droni” scompaiono. Alle 3.01 di notte (giovedi) la pista viene riaperta ma di nuovo chiusa dopo 45 minuti dopo che un “drone” ricompare. Altro avvistamento viene registrato a mezzogiorno e un altro ancora alle 22. In aeroporto è un caos di passeggeri.

Accorre la polizia, constata la presenza dell’oggetto ma, a detta del Direttore dei voli Chris Woodrooffe, “non poteva abbatterlo per timore dei danni eventuali causate da pallottole vaganti” (ma il cielo non era sgombro di voli?). Viene esclusa l’origine terroristica e si avviano le ricerche nel raggio utile di manovra dell’eventuale operatore dei “droni”, anzi sembra che “ogni volta si pensi di essere vicini all’operatore il drone scompare e riappare quando si pensa di riaprire le piste“. Incalzato dai giornalisti, Woodrooffe dichiara. “Voi capirete che ci sono cose di cui non posso parlare” e non esclude altre interruzioni. Leggi il resto dell’articolo