Ricordo di Bianca Guidetti Serra in Sala Rossa e intervento di Fabrizio Salmoni

26 giugno. Calda mattinata. Fa caldo anche nell’aula del consiglio comunale dove si ritrova una piccola folla di consiglieri, colleghi e amici di Bianca. Tra il pubblico, il presidente dell’Anpi nazionale Carlo Smuraglia, la consigliera 5S Viviana Ferrero, l’avvocato Roberto Lamacchia dei Giuristi Democratici, Pietro Polito direttore del Centro Studi Piero Gobetti. Con noi entra Lisa Levi, figlia di Primo e mia antica compagna di giochi, che prosegue la tradizione dell’amicizia tra le nostre due famiglie.

Gli interventi sono programmati per poter procedere in mattinata alla scopertura della targa a quel gioiellino che è la neo-restaurata biblioteca civica di piazzetta dei Menusieri, intitolata recentemente al nome di Bianca, grazie anche all’interessamento della consigliera Artesio e alla collaborazione della direttrice Anna Rigassio.

Tutto è molto istituzionale, si suona anche l’inno nazionale. Non sono abituato a tale contorno ma capisco: in fondo mamma Bianca ha avuto anche una vita istituzionale quindi è giusto cosi.

Dopo un saluto dell’assessore Leon in rappresentanza del sindaco, la breve prolusione del Presidente del consiglio Francesco Sicari, si legge un comunicato dell’Anpi, poi parlano Chiara Acciarini, presidente del Comitato Nazionale per il centenario, Santina Mobiglia, biografa di Bianca, l’avvocato del Lavoro Alida Vitale, il docente universitario Francesco Campobello con Giulia Sofia Agnolin neolaureata con una tesi sull’attività di Bianca su carceri, giustizia e condizioni di detenzione. Poi tocca a me fare un breve saluto (v. Sotto)

Leggi il resto dell’articolo

Annunci

Centenario di Bianca. Un pomeriggio d’estate a Meana

di Fabrizio Salmoni

A Bianca facevano ovviamente piacere i riconoscimenti ufficiali o i “premi” provenienti da istituzioni con cui si trovava in sintonia. Ma amava molto di più i segni d’affetto e di stima da parte della gente comune, dei colleghi, delle piccole platee che sentiva stringersi intorno a lei con affetto o con riconoscenza per qualche sentenza positiva. Quante volte andava a parlare o ad assistere a qualche incontro nelle sezioni Anpi con un pubblico di dieci, quindici, venti persone che poi festeggiavano insieme l’occasione con piccoli presenti, con un semplice brindisi, una cena in trattoria o una merenda sinoira (per chi non è piemontese, è una abbondante merenda che sostituisce la cena. Oggi la chiamerebbero forse apericena…).

Proprio come è stato l’incontro di domenica 30 giugno al Tempio Valdese di Meana, Val Susa, per ricordare tre donne che a Meana e in Valle hanno lasciato un segno: Ada e Carla Gobetti, e Bianca Guidetti Serra. A Meana Ada aveva la casa che fungeva da rifugio temporaneo per i partigiani a cui anche Bianca da staffetta faceva riferimento per i collegamenti ma anche per incontrare fugacemente il suo fidanzato partigiano Alberto Salmoni tra un’azione e l’altra tra Val Susa e Val Chisone.

Leggi il resto dell’articolo

Bianca Guidetti Serra e la Val Susa: un grande amore ricambiato

Un bell’inizio per il calendario del Centenario di Bianca quello tenutosi ieri 27 aprile alla Biblioteca comunale di Condove per il penultimo giorno del 23° Valsusa Filmfest. Ospite il Comune rappresentato dall’Assessore alla Cultura Chiara Bonavero e presente la famiglia di Bianca.

Il pomeriggio era dedicato a ricordare Bianca e il suo rapporto con la Valle fin da quando giovanissima la esplorava in bicicletta con gli amici soffermandosi a contemplarne la natura ancora inviolata dalla guerra e dalle speculazioni del dopo: i laghi di Avigliana, la Sacra, il Musinè e le cime più alte. Poi le avventure rischiose come staffetta tra Torino e la banda partigiana di Ada Gobetti e ancora: i processi a difesa delle lotte operaie del cotonificio, le gite con la famiglia e le interminabili passeggiate con Primo Levi, Carlo Mussa Ivaldi, Carla Gobetti e i tanti amici di sempre. Leggi il resto dell’articolo

La Città di Torino intitola a Bianca Guidetti Serra la Biblioteca civica di Palazzo Siccardi

Ieri 24 luglio, la Commissione toponomastica del Comune di Torino ha deciso di intitolare a Bianca Guidetti Serra, deceduta nel 2014, la Biblioteca civica di palazzo Siccardi, un bel palazzo seicentesco appena restaurato in via Barbaroux, antistante l’Archivio storico della Città di Torino.

Nella stessa sessione si è deciso anche di intitolare altri spazi cittadini a Rita Levi Montalcini e fratelli, a Bartolomeo Calori, immigrato italiano vittima della xenofobia francese nel1893, ai fratelli Abarth, ad Andrea Soldi che mori a seguito di un violento Tso e all’ingegnere del Comune Guido Chiarelli, innovatore dell’illuminazione pubblica. Possiamo quindi dire che Bianca è in buona compagnia. Leggi il resto dell’articolo

Un’ Associazione Bianca Guidetti Serra anche in Puglia

Dopo quello di Bologna, ora un’altro gruppo di militanti ambientalisti e attivisti dei diritti civili si costituisce in associazione sotto il nome di Bianca.

Il 14 luglio si è costituita presso il Centro di Cultura Popolare di Melpignano (Lc)   l’ Associazione Bianca Guidetti Serra – Puglia, formata da militanti ambientalisti e contadini, 4 docenti universitari, 1 avvocato, i fondatori del centro di cultura popolare di Melpignano (vedi: https://it-it.facebook.com/CCP-Centro-di-Cultura-Popolare-682497641856548/), ecc.
Si tratta di persone di diversa provenienza sociale e professionale di provata serietà nell’organizzazione dei convegni “La difesa di madre terra” (Lecce, 6 novembre 2017), e “La terra … e chi la difende” (Melendugno, 13 marzo 2018).
I docenti universitari sono i consulenti giuridici degli avvocati dei movimenti salentini, mentre l’avvocato ha un’esperienza di lunga data contro le discariche. Ivano e Antonietta sono invece punti di riferimento nella lotta contro gli espianti degli ulivi.

L’associazione pugliese si muoverà in modo completamente autonomo da quella bolognese da un punto di vista decisionale, organizzativo e finanziario, ma con quella manterrà un coordinamento. Anche lo Statuto prenderà ad esempio da quello bolognese integrandone gli obiettivi con altri aventi una connotazione più marcatamente ambientalista. L’unità di intenti e di valori è rappresentata dal Presidente, Donato Cardigliano. Leggi il resto dell’articolo

Intervento di Alessandra Cecchi alla presentazione degli archivi di Bianca Guidetti Serra

AlessandraCecchiAlcuni mesi fa, avvicinandosi il primo anniversario del fine vita di Bianca Guidetti Serra, un gruppo informale di compagne e compagni di Bologna ha deciso di mettere in scena un reading che la ricordasse, e che servisse a ragionare sui molteplici aspetti della sua esperienza e sulla loro attualità.

Innumerevoli sono le riflessioni su questa donna, che ha fatto di tutto, a partire da quel suo primo gesto adolescenziale, spontaneamente antifascista, di una notte del 1938, quando uscì per le strade di Torino per strappare i manifesti che definivano gli ebrei come “nemici della patria”.

Poi è venuto l’impegno nella Resistenza, e l’avvocatura militante che l’ha vista protagonista di mille battaglie civili.

È stata l’avvocatessa delle operaie tessili nella conquista della parità salariale, l’avvocatessa dei braccianti che occupavano le terre ad Isola Capo Rizzuto, degli arrestati di Piazza Statuto, dei detenuti che si ribellavano alle terribili condizioni carcerarie. È stata l’avvocatessa degli operai della Fiat, spiati e licenziati per rappresaglia politico-sindacale, e di quelli dell’IPCA e dell’Eternit, uccisi dalle nocività industriali. Leggi il resto dell’articolo

Intervento di Fabrizio Salmoni alla presentazione degli archivi di Bianca Guidetti Serra

24.Febbraio 2016 , alla Fondazione dell’Avvocatura Fulvio Croce, Torino

 

BiancaGrazie  a tutti per essere qui, grazie agli avvocati da parte di tutta la famiglia di Bianca e grazie soprattutto al Centro Studi Piero Gobetti per essersi fatto carico degli archivi di Bianca.

Come molti di voi sanno, per Bianca il Centro Studi non era solo un luogo di lavoro e di memoria storica ma anche un posto di amici. L’ha detto più volte pubblicamente.

Fino a quando le forze l’hanno assistita ha voluto farsi la passeggiata fino in via Fabro per rivedere volti amici, per fare due chiacchiere.

Era quindi naturale che i suoi archivi prendessero quella destinazione. Quello giudiziario l’aveva destinato lei personalmente fin dal 2006. Era logico che anche quello storico prendesse la stessa strada.

Leggi il resto dell’articolo

Ritrovati diari e agende giovanili di Bianca

Rinvenuti nel corso dei lavori di ristrutturazione dello studio/abitazione di Bianca Guidetti Serra dei diari personali risalenti agli anni 1934-38 cioè a quando Bianca frequentava il ginnasio-liceo e il primo anno di università (tra i quindici e i 19 anni).

I diari, scritti a mano e in parte stenografati su tre quaderni “di scuola” e un fascio di fogli sciolti, contengono cronache della sua vita quotidiana e pensieri che rispecchiano in pieno la personalità e le idee dell’autrice fin da quella età. Un esempio sorprendentemente significativo? “11 novemnbre 1934…Come passa il tempo! Sono già in quinta ginnasio e mi pare ieri che ho incominciato le scuole. Probabilmente studierò legge e, col tempo, occuperò lo studio di papà: ‘Avvocatessa Bianca Guidetti Serra, via Cesare Battisti 7’. Ecco il mio luminoso e chimerico avvenire!”

Insieme ai diari sono venute alla luce alcune agende di piccolo formato, anch’esse parzialmente stenografate, risalenti agli anni 1939-1944. Sulla data 10 settembre 1943 si legge: I tedeschi occupano Torino

Diari e agende saranno completati con la trascrizione della parte stenografata con l’aiuto del Centro Studi Piero Gobetti che ha avuto in custodia l’archivio giudiziario e quello personale di Bianca. Saranno poi custoditi nell’archivio personale della famiglia.(F.S. 3.10.2015)

I libri di Bianca a Meana di Susa

Firma Gallo SebastianoFirmata la donazione della biblioteca di Bianca Guidetti Serra alla Biblioteca popolare “Il Gallo Sebastiano” di Meana di Susa.Centinaia di volumi saranno messi a disposizione del pubblico.

Ieri, 29 Marzo, è stata firmata a Meana di Susa la donazione della biblioteca di Bianca Guidetti Serra all’associazione culturale “Il Gallo Sebastiano”. Nella sede della omonima Biblioteca popolare, si sono ritrovati il sottoscritto con la famiglia e Emanuela Tomassone, presidente dell’associazione, con alcuni degli iscritti che sostengono la gestione delle tante iniziative della biblioteca di via Mattie 4. La scelta di donare le centinaia di volumi a Il Gallo Sebastiano è stata dettata dalla speciale vicinanza di Bianca con la città di Meana, da lei frequentata nei mesi della Resistenza, e con Ada Gobetti a cui, come è noto, Bianca fu legata da grande stima e amicizia. Poco sopra Meana c’era la baita che fungeva da base per la banda partigiana che Leggi il resto dell’articolo

Una Tshirt di Bianca

 

TshirtBianca L’ idea nata per ringraziare per la partecipazione ai funerali di Bianca Guidetti Serra si è concretizzata con la realizzazione di 28 T shirts con l’immagine in toga di una giovane Bianca, e la riproduzione sottostante di un estratto da una sua citazione. La firma in rosso completa l’immagine. La Tshirt è destinata a valorose donne-avvocato e a donne resistenti che seguono l’esempio di Bianca nella professione o nell’impegno sociale. Finora l’hanno ricevuta:

Avv. Valentina Colletta . Penalista specializzata in problemi carcerari, tossicodipendenze e immigrazione. Ha fatto parte del collegio difensivo al maxiprocesso contro i No Tav.

Avv. Michela Malerba. Penalista, membro del Direttivo del Consiglio dell’Ordine torinese.

Avv. Giusi Mele. Civilista specializzata in diritto di famiglia e minorile; da anni consulente della Casa della Donna di Torino ed esponente dell’Associazione Giuristi Democratici di cui faceva parte Bianca.

Avv. Cristina Patrito. Penalista specializzata in reati ambientali. E’ stata parte civile in processi per abusi edilizi e per reati nello smaltimento dei rifiuti. Ha fatto parte del collegio difensivo al maxiprocesso contro i No Tav.

Avv. Michela Quagliano. Penalista, appassionata di diritti, si è occupata, tra l’altro, di questioni di genere e di bioetica. È stata consigliera del c.d.a. della Fondazione dell’Avvocatura Torinese Fulvio Croce; dal 2015 è Presidente dell’Associazione Giuristi Democratici.

Avv. Barbara Spinelli. Penalista di Bologna specializzata in reati contro l’infanzia. Un settore particolarmente caro a Bianca.

Avv. Emma Vercellone. Già sostituta di Bianca, ora avvocato specializzata in diritto di famiglia e minorile.

Avv. Alida Vitale. Civilista, specializzata in diritto del lavoro, sempre e solo dalla parte di lavoratrici e lavoratori. Consigliera di Parità della Regione Piemonte.

Alessandra Algostino. Docente di Diritto Costituzionale, coniuga studio, insegnamento e militanza. Attiva sui temi dei diritti, dei migranti, del Movimento No Tav e della democrazia.

Chiara Appendino. Consigliere 5 Stelle al Comune di Torino. Particolarmente agguerrita in Sala Rossa, è presenza ostica per il sindaco Fassino. Voci non ufficiali la indicano come prossima candidata 5S a sindaco di Torino. Recentemente si è interessata alla vertenza sindacale ai Mercati Generali.

Alessandra Cecchi con Delia Bellanova, Gioconda Ciciriello, Giancarla Rotondi, Rosa Ugolini, organizzatrici della prima celebrazione di Bianca per Una Montagna di Libri 2015 a Bologna. Alessandra Cecchi è anche promotrice del blog Un Percorso lungo un Secolo, dedicato a Bianca.

Haidi Gaggio Giuliani. Mamma di Carlo Giuliani, assassinato dai Carabinieri nel corso di una manifestazione di protesta durante il G8 di Genova 2001. Parlamentare indipendente candidata da Rifondazione comunista nei due anni del Governo Prodi. Ha rinnovato il suo impegno contro i progetti di Alta Velocità.

Carla Gobetti. Direttrice “storica” del Centro Studi Piero Gobetti, amica e collaboratrice di Bianca, attualmente Presidente Onorario del Centro Studi. 

Santina Mobiglia. Insegnante, esperta di editoria, biografa di Bianca.

Patrizia Moretti Aldrovandi. Mamma di Federico Aldrovandi, ucciso di botte dalla Polizia, impegnata nella dura lotta per far individuare e punire i colpevoli.

Licia e Claudia Pinelli. Moglie e figlia di Giuseppe Pinelli.

Cecilia Strada. Presidente di Emergency.

Frida Tomizzo. Assistente sociale, membro del direttivo dell’Associazione Nazionale Famiglie Adottive e Affidatarie (ANFAA), di cui faceva parte anche Bianca. Con lei ha condotto molte battaglie sulle leggi per l’adozione e per il diritto all’assistenza per i non autosufficienti.

 CeciliaStradaCecilia Strada

Attiviste, militanti del movimento valsusino contro la Torino-Lione:

Doriella Cavazzini

Maria Chirio

Barbara Debernardi

Nicoletta Dosio

Marisa Meyer

Bianca Riva

Chiara Sasso

Doriana Tassotti  

 

Naturalmente niente Tshirt assegnate all’Istituto Storico della Resistenza torinese per l’ assenza totale ai funerali di Bianca e per i comportamenti dei membri del Direttivo nei confronti della famiglia.