Ufo e segretezza. Clamorose conferme nelle carte dell’ammiraglio Thomas Wilson

Divulgato il carteggio dei colloqui privati fra lo scienziato Eric Davis e l’ex capo dell’intelligence militare nello Stato Maggiore della Difesa. L’indagine personale dell’alto ufficiale rivela una struttura semiclandestina che gestisce la ricerca sulla tecnologia aliena. La difficile strada per la Verità.

di Fabrizio Salmoni

Quella che segue è il racconto dell’ ultimo e più recente sviluppo dell’infinita storia che avviluppa il mistero del fenomeno Ufo. Una storia fatta di apparenti rivelazioni, di smentite, un gioco di specchi, una sorda lotta di potere tra apparati, tra gruppi di interessi contrapposti e per tutto questo sempre difficile da interpretare. Quanto la Verità abbia da guadagnare, è da valutare caso per caso dai ricercatori indipendenti più affidabili che svolgono un serio lavoro di verifica..

Siamo in un periodo in cui le fughe di notizie si succedono a ritmi sempre più accelerati. E’ di poco più di un anno fa la diffusione da parte di un altro gruppo di ricercatori dei filmati del Pentagono sugli incontri ravvicinati del Novembre 2017 tra piloti militari e oggetti sconosciuti al largo della costa californiana a cui segui un tale subbuglio mediatico da costringere commissioni e sottocommissioni della Difesa a richiedere audizioni alla Marina in merito a quegli episodi sulla base della presunta minaccia portata dalla facilità e dalla frequenza con cui tali incontri si verificano nello spazio aereo nazionale. Con due risultati concreti:

  1. che la Marina ha annunciato nuovi protocolli di rapporti con cui i piloti dovranno descrivere i fenomeni, un.provvedimento che smentisce l’asserito disinteresse dei militari al fenomeno.
  2. che finalmente un organo istituzionale, la Commissione Difesa del Senato, dimostra interesse all’argomento e chiede di essere tenuto al corrente degli sviluppi seppure in regime di riservatezza.

Ricordiamo che la rivelazione di quegli incontri nei cieli originava da ex personale militare in forza a un programma del Pentagono (Advanced AviationThreath Identification/Ufo Division) operativo tra il 2007 e il 2012 da allora sciolto e disperso tra le varie armi e agenzie della Difesa con altri nomi. Le notizie davano spazio all’annuncio che si era costituita una azienda privata avviata da eminenti personaggi provenienti da ambienti scientifici, politici e di intelligence, la To the Stars Academy il cui obiettivo industriale dichiarato è lo sviluppo e l’applicazione delle tecnologie ricavate dallo studio di tecnologia aliena “recuperata”
(v. https://mavericknews.wordpress.com/2018/02/11/ufo-le-conferme-del-pentagono-sul-new-york-times/#more-1466) . La TTSA con sorprendenti tempismo e mezzi ha prodotto per History Channel la serie documentaria Unidentified.Inside America’s Ufo investigation, andata in onda in sei puntate televisive che ha riscosso grande attenzione mediatica perchè basata, secondo i produttori, su fondati elementi di verità.

Nell’aprile scorso, il nuovo colpo di scena. Il ricercatore e storico dell’ufologia Richard Dolan, tra i più seri investigatori della materia, riceve da fonte anonima un documento di 15 pagine, letteralmente esplosivo nel contenuto. Si tratta di appunti dettagliati presi dall’eminente scienziato Eric Davis nel corso di un incontro privato con il viceammiraglio Thomas R. Wilson, ora in pensione, che fu dal 1994 al 1997 nella posizione di VJ2, cioè di vicedirettore per l’intelligence presso lo Stato Maggiore al Pentagono e successivamenre (1999-2002) come J2 a capo della DIA (Defense Intelligence Agency) cioè capo di tutte le intelligence militari. Dunque non un personaggio che possa essere accusato di leggerezza o di instabilità mentale dagli scettici professionisti.

In quell’incontro, tenutosi nel 2002 nei sedili posteriori dell’auto di servizio, il vice ammiraglio racconta a Davis, che prende appunti (o registra?), i dettagli della sua personale indagine per accertare l’esistenza e l’identità operativa di un Programma Speciale (SAP) clandestino che processa tecnologia aliena. Un Programma “sepolto sotto un tappeto di altri SAP” nei files della labirintica struttura del Dipartimento della Difesa, del quale gli era stata ventilata l’esistenza dal ricercatore Steven Greer, dall’astronauta Edgar Mitchell e dal Lt. Comm. di Marina Willard Miller in un incontro formale nel 1997. Sappiamo ora, dagli appunti di Davis che a quel primo colloquio erano presenti nell’occasione due altri alti ufficiali, i generali Hughes (predecessore di Wilson al DMI) e Crawford oltre ad alcuni attendenti. Da quanto riferito in seguito da Wilson a Greer, risulta che il viceammiraglio cercò verifiche, scopri l’esistenza del Programma clandestino e costrinse un suo rappresentante ad incontrarlo, per sentirsi dire che non aveva il “need to know” (la necessità di sapere – estremo grado del top secret). Cosa che lo mandò su tutte le furie, inutilmente, perchè non ottenne sostegno nella gerarchia di allora per forzare la situazione e costringere allo scoperto il Programma e i suoi scopi. Al contrario, gli valse la minaccia di blocco della carriera, della pensione e la “perdita di una o due stellette“. Wilson non volle più incontrare Greer e non volle più parlare della faccenda.

Qui a fianco: La struttura dei programmi speciali segreti (Exceptionally Compartmented Information – ECI) della Nsa, come indicati da Edward Snowden. Sotto uno strato di programmi già segreti se ne nascondono altri, alcuni dei quali derivazioni di altri che “sprofondano” ancora di più nel substrato per più livelli di segretezza. Stesso schema al Pentagono con i SAP (Special Access Programs). 

 

Ora dagli appunti di Davis escono la cronaca dettagliata degli incontri e la conferma dell’esistenza di un programma semiclandestino opearativo all’interno di “uno tra i 15 migliori appaltatori dell’aerospaziale” dedicato allo studio e alla retroingegneria di almeno “un velivolo” (craft) e tecnologie “non di questo mondo… non opera di mani umane”, recuperate in occasioni non specificate. I finanziamenti che lo alimentano provengono dai fondi neri della Difesa e da altre risorse non identificate. La gestione è totalmente in mani private ( a Wilson fu concesso di vedere un elenco di nomi che includeva alcune figure civili e militari minori in forza al Pentagono), risponde a una scala gerarchica “anomala“, non convenzionale, e la conduzione, ramificata presumibilmente a livello transnazionale, non prevede alcuna supervisione di autorità costituite. Greer e Mitchell avevano visto giusto.

Questa è l’attualità dei fatti. Le carte Davis/Wilson sono deflagranti perchè confermano la realtà ipotizzata dai ricercatori a partire dalla fine degli anni Novanta e una verità difficile da far accettare all'”esterno”. Ora c’è una prova importante che un’intelligenza aliena avanzata interagisce con la nostra civiltà e che c’è chi sa e utilizza le conoscenze acquisite a scopo di profitto di pochi prevalentemente in ambito militare, impedendo che quelle conoscenze possano essere applicate a beneficio dell’umanità (v. https://mavericknews.wordpress.com/2019/02/25/politica-e-x-files-il-progresso-negato/). Una realtà che la comunità di ricercatori aveva da tempo individuato ma che finora non aveva trovato conferme autorevoli quanto il racconto del vice ammiraglio Wilson. Che è interessante anche nell’evidente risvolto emotivo del viceammiraglio nel confrontarsi a muso duro con tre “rappresentanti” del Programma (program manager, direttore della Sicurezza, rappresentante legale – “the watch committee” come si autodefiniscono), in particolare per l’irritazione di sentirsi dire che “il suo grado e posizione sono irrilevanti” al fine di essere informato e che i criteri per “l’ingresso” li decidono esclusivamente loro per “accordi pregressi e resi ulteriormente restrittivi più recentemente

Si può ritenere autentico il documento? Richard Dolan e i ricercatori che l’hanno visionato, analizzato e diffuso (Grant Cameron, Linda Moulton Howe, Melissa Lesley) sono sicuri che lo è per la quantità di nomi, riferimenti e dettagli verificabili.

Anche il percorso di provenienza del documento e la fonte originaria della diffusione sono stati accertati: a divulgarlo sarebbe stato Edgar Mitchell, identificato dai riferimenti offerti da due ricercatori australiani che per primi hanno avuto tra le mani il documento ma che non vollero rivelarne l’origine nè si sono sentiti di diffonderlo, fino agli scorsi mesi. Perchè Edgar Mitchell? Perchè era amico e confidente di Wilson e perchè faceva parte di un consesso di personaggi, tutti provenienti da ambienti militari, scientifici e di intelligence dediti a favorire una disclosure “soffice”, prudente, del fenomeno Ufo e delle sue implicazioni. Un gruppo di lavoro autodenominatosi Advanced   Theoretical Physics Group, attivo fin dal 1985 unito anche da interessi economici, di cui a suo tempo   entrò a far parte Eric Davis. Una storia che sarebbe lungo qui sviluppare.

Le implicazioni di questi intrecci sono interessanti e comportano numerosi problemi di rapporti e di strategia di comunicazione, il tutto complicato dai diversi livelli di clearance che pertengono ai vari personaggi. Non per niente, alla richiesta di Dolan di conferma, Davis, tramite la sua attuale azienda, ha risposto con un comunicato “No comment” che non nega e non conferma ma segnala un evidente imbarazzo. Da parte di Wilson, non una parola.

Dal documento scaturiscono anche nuovi e intriganti interrogativi che verranno indubbiamente affrontati da chi ne ha competenza e bisogna dare atto a Dolan e al team di ricercatori che hanno visionato quelle carte di averle rese pubbliche (l’intera documentazione Davis/Wilson, è disponibile su https://imgur.com/a/ggIFTfQ ). Oggi le carte Davis/Wilson dilagano sul web. Certamente la loro diffusione potrà aprire altre falle nel muro della segretezza.

Sembra che ci si avvicini dunque sempre più, per forza di cose, a una disclosure che prima o poi dovrà avvalersi di una voce ufficiale e che potrebbe avere risvolti traumatici per l’economia mondiale e provocare un cambiamento epocale con aspetti positivi e negativi, tutti da valutare. Richard Dolan ha già tentato un’analisi realistica di quel futuro nel suo libro A.D. After Disclosure – The People’s Guide to Life After Contact (Keyhole, 2010). Anche i termini che cambiano nei riferimenti pubblici e nella terminologia militare (da Ufo a Uap – Unidentified Aerial Phenomena) e la nuova disinvoltura nel parlarne da parte di ambienti politici, giornalistici e scientifici indicano che qualcosa si muove. Che si fa strada la consapevolezza che la segretezza nel medio o lungo termine è destinata a crollare.

Certo, il fatto che la Verità possa farsi strada per percorsi e canali non “democratici”, controllati o pubblici può allarmare ma anche questo è responsabilità di chi da decenni ha gestito e favorito la segretezza in nome di un falso concetto di sicurezza nazionale e di un profitto privato nel campo militare/aerospaziale e chissà cos’altro (la genetica?), costringendo una comunità di ricercatori, controparte altrettanto ristretta ma propensa alla diffusione pubblica, a contrastarne i piani adattandosi con fatica e rischio personale ai terreni insidiosi e inquinati della disinformazione. (F.S. 10.8.2019)

 

La dettagliata presentazione delle carte Davis/Wilson da parte di Richard Dolan (per chi comprende l’inglese) è su http://www.youtube.com/watch?v=Dk7wWp7iL60

Chi è Eric W. Davis

Phd in astrofisica all’Università di Arizona. Responsabile scientifico di EarthTech Int’l, Inc.- Institute for Advanced Studies a Austin, Texas. Le sue specializzazioni includono la fisica della propulsione per voli interstellari, scienza del volo interstellare, propulsione dell’energia a raggi, propulsione spaziale nucleare avanzata, armi a energia direzionale, energia trasformazionale, teoria dei campi e della gravità quantici, ottica sperimentale dei quanti.

Le attività di ricerca comprendono la fisica delle propulsioni laser, sistemi design e performance metriche, applicazioni del programma laser Lightcraft per la Air Force, esperimenti di tomografia dell’ottica quantica per misurare l’energia negativa del vacuum spaziale, studi sulla struttura multistrato del vuoto spaziale,teorie generali della relatività applicate agli spostamenti temporali,, propulsioni spazio/tempo per superamentodella velocità della luce, ecc.

Docente di Primo Universo, cosmologia e string groups al Center for Astrophysics, Space Physics & Engineering Research della Baylor University di Waco, Texas.

Membro della British Interplanetary Society, membro associato dell’American Institute of Aeronautics and Astronautics, e della New York Academy of Sciences,

Ha diretto la Energy Professional Society, l’ American Astronomical Society, e l’ Association of Former Intelligence Officers.

NOTA. Al di là dell’impressionante curriculum professionale, si notino i campi di ricerca avanzati rispetto a quelli normalmente “frequentati” e riconosciuti negli ambienti scientifici “pubblici” e l’interazione con gli ambienti di intelligence, cosa piuttosto normale tra gli accademici americani di alto livello.

Info mavericknews
Organizzatore di eventi, laurea e master all'Università del Texas in Studi Americani, giornalista pubblicista dal 2009. Direttore della rivista American West, si dedica poi alle tematiche ambientali e alla cronaca delle lotte sociali. I suoi articoli sono stati pubblicati su Tg Maddalena, Tg Vallesusa, Valsusa Notizie, Prendocasa, Carmilla Online, Contropiano. Ha co-prodotto l'inchiesta filmata La Baita- Presidio No Tav in Val Clarea. Per Lu:Ce edizioni, ha pubblicato Resa dei Conti alla Maddalena. 2010-2011. Diario di due anni di lotta contro l'Alta Velocità in Valle di Susa.

One Response to Ufo e segretezza. Clamorose conferme nelle carte dell’ammiraglio Thomas Wilson

  1. Franz says:

    I link portano a contenuti non disponibili, non mi sorprende.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...