La Città di Torino intitola a Bianca Guidetti Serra la Biblioteca civica di Palazzo Siccardi

Ieri 24 luglio, la Commissione toponomastica del Comune di Torino ha deciso di intitolare a Bianca Guidetti Serra, deceduta nel 2014, la Biblioteca civica di palazzo Siccardi, un bel palazzo seicentesco appena restaurato in via Barbaroux, antistante l’Archivio storico della Città di Torino.

Nella stessa sessione si è deciso anche di intitolare altri spazi cittadini a Rita Levi Montalcini e fratelli, a Bartolomeo Calori, immigrato italiano vittima della xenofobia francese nel1893, ai fratelli Abarth, ad Andrea Soldi che mori a seguito di un violento Tso e all’ingegnere del Comune Guido Chiarelli, innovatore dell’illuminazione pubblica. Possiamo quindi dire che Bianca è in buona compagnia.

Per tutti sarà richiesta alla Prefettura una deroga alla regola dei 10 anni dalla morte della personalità per le intitolazioni.

Non sappiamo ancora se la decisione è stata presa in maggioranza o all’unanimità ma in ogni caso possiamo dirci sodddisfatti anche perchè la prestigiosa sede culturale è in centro città e nei pressi dello studio/ abitazione di Bianca, in via San Dalmazzo. Quell’indirizzo, insieme alla via in cui nacque, via Sant’Agostino, è totalmente parte dell’area della città in cui spese la gran parte della sua vita.

L’intitolazione della Biblioteca a Bianca è un buon anticipo delle celebrazioni del centenario della sua nascita che ricorrerà nel 2019 e per cui sono in preparazione numerosi eventi a cura del Centro Studi Piero Gobetti.

I ringraziamenti della famiglia di Bianca vanno a tutti i consiglieri che hanno proposto e sostenuto l’iniziativa. (F.S. 25.7.2018)

          

Info mavericknews
Organizzatore di eventi, laurea e master all'Università del Texas in Studi Americani, giornalista pubblicista dal 2009. Direttore della rivista American West, si dedica poi alle tematiche ambientali e alla cronaca delle lotte sociali. I suoi articoli sono stati pubblicati su Tg Maddalena, Tg Vallesusa, Valsusa Notizie, Prendocasa, Carmilla Online, Contropiano. Ha co-prodotto l'inchiesta filmata La Baita- Presidio No Tav in Val Clarea. Per Lu:Ce edizioni, ha pubblicato Resa dei Conti alla Maddalena. 2010-2011. Diario di due anni di lotta contro l'Alta Velocità in Valle di Susa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...