La Città di Torino intitola a Bianca Guidetti Serra la Biblioteca civica di Palazzo Siccardi

Ieri 24 luglio, la Commissione toponomastica del Comune di Torino ha deciso di intitolare a Bianca Guidetti Serra, deceduta nel 2014, la Biblioteca civica di palazzo Siccardi, un bel palazzo seicentesco appena restaurato in via Barbaroux, antistante l’Archivio storico della Città di Torino.

Nella stessa sessione si è deciso anche di intitolare altri spazi cittadini a Rita Levi Montalcini e fratelli, a Bartolomeo Calori, immigrato italiano vittima della xenofobia francese nel1893, ai fratelli Abarth, ad Andrea Soldi che mori a seguito di un violento Tso e all’ingegnere del Comune Guido Chiarelli, innovatore dell’illuminazione pubblica. Possiamo quindi dire che Bianca è in buona compagnia. Leggi il resto dell’articolo

Annunci

Un’ Associazione Bianca Guidetti Serra anche in Puglia

Dopo quello di Bologna, ora un’altro gruppo di militanti ambientalisti e attivisti dei diritti civili si costituisce in associazione sotto il nome di Bianca.

Il 14 luglio si è costituita presso il Centro di Cultura Popolare di Melpignano (Lc)   l’ Associazione Bianca Guidetti Serra – Puglia, formata da militanti ambientalisti e contadini, 4 docenti universitari, 1 avvocato, i fondatori del centro di cultura popolare di Melpignano (vedi: https://it-it.facebook.com/CCP-Centro-di-Cultura-Popolare-682497641856548/), ecc.
Si tratta di persone di diversa provenienza sociale e professionale di provata serietà nell’organizzazione dei convegni “La difesa di madre terra” (Lecce, 6 novembre 2017), e “La terra … e chi la difende” (Melendugno, 13 marzo 2018).
I docenti universitari sono i consulenti giuridici degli avvocati dei movimenti salentini, mentre l’avvocato ha un’esperienza di lunga data contro le discariche. Ivano e Antonietta sono invece punti di riferimento nella lotta contro gli espianti degli ulivi.

L’associazione pugliese si muoverà in modo completamente autonomo da quella bolognese da un punto di vista decisionale, organizzativo e finanziario, ma con quella manterrà un coordinamento. Anche lo Statuto prenderà ad esempio da quello bolognese integrandone gli obiettivi con altri aventi una connotazione più marcatamente ambientalista. L’unità di intenti e di valori è rappresentata dal Presidente, Donato Cardigliano. Leggi il resto dell’articolo