Processo Numa vs. Maverick. Secondo round

 

Si è tenuta questa mattina la seconda udienza del processo intentato da Massimo Numa, il cronista de La Stampa BEN NOTO per i suoi articoli velenosi sulle lotte sociali, contro il sottoscritto per averlo definito “famigerato” in un articolo di cronaca giudiziaria del 2013.

Dopo l’ammissione delle prove è stata data la parola al querelante perchè spiegasse le ragioni del suo sentirsi diffamato. Questi si è lanciato nella descrizione di uno scenario di persecuzioni da parte di ogni sorta di No Tav e antagonisti di cui Maverick non sarebbe che un portavoce o una sorta di moltiplicatore su web di quella persecuzione che lo costringerebbe ad avere una scorta di polizia e a vivere una vita infelice. Leggi il resto dell’articolo

Annunci

Il Fondo No Tav al Centro Studi Piero Gobetti

 

La documentazione recuperata dall’Istoreto dopo anni di ostruzionismo è stata adottata dal Centro Studi che già custodisce le carte di Piero e Ada Gobetti e gli archivi Bobbio, Galante Garrone, Guidetti Serra. Verrà catalogata e messa a disposizione del pubblico. Le indicazioni per implementare la raccolta dei materiali.

di Fabrizio Salmoni

Si è risolta dopo anni di polemiche e grazie a un intervento di mediazione legale la sorte del Fondo di documentazione del Movimento No Tav assemblato dal sottoscritto e affidato in prima battuta all’Istituto Storico della Resistenza di Torino (Istoreto) con accordi verbali basati su un rapporto di fiducia e collaborazione di decenni con la famiglia Guidetti Serra/Salmoni.

Vale la pena, per i posteri, di fare un brevissimo riassunto degli accadimenti che hanno rallentato i tempi di disponibilità della documentazione. Leggi il resto dell’articolo

Val Susa. Le fiamme e il silenzio

Il fuoco in Valle e i silenzi sul cantiere. L’insistenza sospetta dei media sulla ricerca di presunti piromani Il racconto di due volontari che rende giustizia ai valsusini.

di Fabrizio Salmoni

Di Tav non bisogna parlare, mai. C’è una specie di consegna del silenzio che i media locali, i giornaloni e i televisioni hanno acconsentito mutamente a seguire. Non è probabilmente un divieto esplicitato, è una consuetudine acquisita col servilismo maturato in anni di regime di partiti che rappresentano nelle istituzioni la lobby del Tav. Avevano deciso a un certo punto che di Tav non bisognava più parlare, bisognava farlo e basta: il confronto (?) c’era stato, la discussione nell’Osservatorio Tecnico (?) pure (che importa se 23 sindaci non c’erano), i riti della finta democrazia espletati (“Si discute…ma poi noi decidiamo) e quindi fine delle trasmissioni. Tutti nelle redazioni si sono adeguati. Leggi il resto dell’articolo