Amministrative a Torino. Ora godiamoci la festa!

E’ caduto un regime arrogante. Ora si andranno ad aprire gli armadi e per il Pd si preannunciano tempi grami. Imploderà? All’orizzonte l’uscita di Torino dall’Osservatorio tecnico del Tav e tanti cambiamenti. Sicuramente ne vedremo delle belle.

ChiaraappendinoPer una volta dice molto bene un livido senatore Esposito: il problema non è aver perso a Roma ma aver perso a Torino. Perchè lui sa benissimo cosa comporta la sconfitta qui del Pd: non un semplice ribaltamento dei ruoli governo della città/opposizione ma lo scoperchiamento di un calderone bollente di clientelismo, patti scellerati, forse corruzione come metodo di consolidamento di un sistema durato non 23 anni ma 41, perchè le brevissime giunte social-democristiane e quella Castellani che sanci la definitiva trasformazione del partito della sinistra in partito della concertazione con Fiat, industriali e banche, hanno condiviso l’identità e gli interessi del fu partito della sinistra fin dal 1975. Da allora mai ci fu vera discontinuità. Fino ad oggi.

E in quel calderone bollente si potranno trovare documentate tante porcherie, le violazioni di norme e leggi, le complicità collegate alle grandi opere e in particolare al Tav, le illegalità che i valsusini hanno sempre denunciato da inascoltati. L’ha preannunciato il senatore 5S Airola già da questa notte: “Andremo a vedere gli archivi, faremo pulizia”. E questo sembra preludere a una lunga campagna di erosione politica del Pd fino ed oltre il referendum d’autunno. “Faremo i primi conti entro Natale” ,  dice sempre più livido l’Espocchio ma bisognerà vedere come arriverà a Natale il suo partito. Si preannunciano mesi di lunghi coltelli per un Pd diviso in bande e senza più l’appeal della cooptazione nella brodaglia del potere. Forse movimenti centrifughi, alleanze fatiscenti che si dissolvono, defezioni. Chissà, forse ne vedremo persino qualcuno in galera, finalmente.

Un preoccupato Chiamparino ha subito emesso una nota che richiede una “riflessione profonda” che sembra preludere a una resa dei conti interna dagli esiti imprevedibili.

I soliti astensionisti ideologici possono anche dire: “Adesso vediamo cosa fanno“. Certo, vediamo. Ma sta di fatto che se i 5S faranno qualcosa di buono anche i dottori di leninismo ne godranno i vantaggi senza avervi contribuito. Se ci sarà più onestà nella cosa pubblica, se Torino uscirà dall’Osservatorio tecnico del Tav, se cambieranno le politiche ambientali e del territorio, se si vedrà che almeno alcuni nodi di connivenza tra istituzioni e lobby si potranno sciogliere, se le stesse lotte sociali si avvarranno di nuovo entusiasmo e fiducia, allora chi ha sostenuto il cambiamento saprà di aver fatto la cosa giusta. Spero proprio che ne vedremo delle belle.

Intanto godiamoci i titoli stizziti de La Stampa di oggi, godiamoci la faccia terrea di Esposito, godiamoci questi giorni della nuova Liberazione. E’ caduto un regime arrogante. Ora speriamo che i nuovi sappiano mettere qualche buona base per il futuro. (F.S. 20.6.2016)

P.S. Ad Alpignano vince il ballottaggio la lista Alpignano Sicura che ha dichiarato pubblicamente di condividere l’opposizione alla Torino-Lione. Se manterranno la parola, insieme al M5S che entra in Consiglio come opposizione, almeno su quel terreno avremo una solida maggioranza No Tav, e un asse Rivalta-Alpignano-Venaria di giunte solidali.

 

Annunci

Info mavericknews
Organizzatore di eventi, laurea e master all'Università del Texas in Studi Americani, giornalista pubblicista dal 2009. Direttore della rivista American West, si dedica poi alle tematiche ambientali e alla cronaca delle lotte sociali. I suoi articoli sono stati pubblicati su Tg Maddalena, Tg Vallesusa, Valsusa Notizie, Prendocasa, Carmilla Online, Contropiano. Ha co-prodotto l'inchiesta filmata La Baita- Presidio No Tav in Val Clarea. Per Lu:Ce edizioni, ha pubblicato Resa dei Conti alla Maddalena. 2010-2011. Diario di due anni di lotta contro l'Alta Velocità in Valle di Susa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...