1° Maggio. Il Pd sfila tra fischi e cordoni di polizia

PrimoMaggioCopsUn corteo blindato dalla polizia per proteggere il partito responsabile dello smantellamento dei diritti dei lavoratori e della corruzione diffusa. Ma la gente si fa sentire.

 

Dopo essersi preso qualche pesce in faccia dai sindacati per aver tentato di alzare la tensione nei giorni scorsi, il sen. Esposito non si è presentato in piazza e di conseguenza non ci sono stati incidenti.  Sottolineo volutamente la coincidenza.

Il solito corteo sindacale, reso vivace solo da gruppi di lavoratori più colpiti da crisi e esuberi, si è mosso da piazza Vittorio trainandosi dietro un centinaio scarso di aderenti del Pd, prevalentemente anziani e apparato, tutti vivacemente fischiati e insultati dalla folla ai lati lungo tutto il tragitto. Deve essere stato un calvario per quei pochi parlamentari, funzionari e vecchi nostalgici, protetti da un servizio d’ordine mercenario e da un anello di digos (per il Pd si è scomodato persino il Gran Capo Petronzi) e agenti in tenuta antisommossa, mentre sfilavano dietro uno striscione impudico con la scritta “Dalla parte del lavoro“. La gente gridava “Vergogna“, “Fuori il  Pd dal corteo“, “Via via Pd e polizia” e i loro volti lividi tradivano il disagio. Insomma, un successo di pubblico e di immagine. Li seguiva a ruota uno spezzone sociale di dimensioni quasi eguali al corteo sindacale, talmente da vicino che a metà di via Po, senza apparente causa scatenante, la polizia si inseriva con un reparto costretto da quel momento a farsi tutto il percorso camminando all’indietro come gamberi per timore che un’accelerazione improvvisa potesse portare a contatto la gente con il Pd.StriscioneAska

Sguardi incerti, allarmati tra i Pdem sommersi dai fischi anche al loro ingresso in piazza San Carlo, si accompagnavano a sorrisi di sfida, di tracotanza mentre i più deboli di convincimento si lasciavano trascinare in battibecchi con gli astanti che li insultavano.

In via Roma si è quasi ripetuta la scena dell’anno scorso:  la folla lai lati e il corteo alle spalle pressavano sempre più gli agenti ormai semi-avvolti dalla gente che straripava oltre sgusciando anche sui lati. Una situazione critica, senza alternative che metteva la polizia in difficoltà e sulla difensiva e la privava di capacità di reazione. Non avevano elaborato migliori strategie… Jobs Act

In piazza San Carlo, il Pd si dissolve in tutta fretta. Per evitare l’invasione del palco, i sindacati quest’anno si sono inventati il chansonnier in coda ai discorsi, mentre la polizia circondava l’area del palco e la folla vi si assiepava intorno. M5S

Tanto per confondere ulteriormente il calderone dei contenuti in cui ormai anche il primo Maggio si dibatte, aveva preannunciato la propria adesione al corteo persino Forza Italia la cui presenza però è passata totalmente inosservata mentre il Movimento 5 Stelle, forte delle sue proposte di reddito della cittadinanza si è ritagliato il posto delle novità.  Striscione in piazza

Da segnalare, come nota di colore, la grande coreografia per il comizio in via Roma di Lotta Comunista in uno sventolio di bandiere rosse con esibizione dello striscione Marx è nostro! e un palco improvvisato con un oratore-quasi- sosia di Lenin ma senza pizzetto e proletari vestiti da festa, come una volta. Cose d’altri tempi. (F.S. 1.5.2015)

SolitudineFoto: La solitudine

Annunci

Info mavericknews
Organizzatore di eventi, laurea e master all'Università del Texas in Studi Americani, giornalista pubblicista dal 2009. Direttore della rivista American West, si dedica poi alle tematiche ambientali e alla cronaca delle lotte sociali. I suoi articoli sono stati pubblicati su Tg Maddalena, Tg Vallesusa, Valsusa Notizie, Prendocasa, Carmilla Online, Contropiano. Ha co-prodotto l'inchiesta filmata La Baita- Presidio No Tav in Val Clarea. Per Lu:Ce edizioni, ha pubblicato Resa dei Conti alla Maddalena. 2010-2011. Diario di due anni di lotta contro l'Alta Velocità in Valle di Susa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...