Parlamentari e crumiri. Richiesta l’archiviazione per l’on. Fregolent (Pd) querelata da Maverick

SFregolentL’on. Silvia Fregolent  (Pd) si rifugia dietro l’immunità parlamentare per non rispondere della sua aggressione verbale a Maverick. La Procura di Roma chiede l’archiviazione della querela per diffamazione..

Uno dei meriti della testarda opposizione popolare alla Torino-Lione è quello di scoperchiare il verminaio che sta dietro alle grandi opere: illegalità, corruzione, manipolazione dell’informazione, asservimento dei media, menzogne, privilegi e interessi privati dei politici. Un bel repertorio di cui riceviamo continui aggiornamenti. Oggi ci tocca registrare questo nuovo caso di connivenza dei poteri, di abuso piccolo ma significativo.

Il 14 maggio 2013 compariva su questo blog l’articolo intitolato C’è lavoratore e lavoratore: poi ci sono i crumiri a firma del sottoscritto, in cui si argomentava che non basta essere “lavoratore” per essere dalla parte della ragione e della propria classe, e che sta nella storia delle lotte sociali che i lavoratori “abbiano sempre dovuto lottare anche contro quelli che per ignavia, ignoranza, interesse individuale o partito preso, non partecipavano e anzi, con il loro comportamento antisolidale, danneggiavano l’interesse di tutti  facendo di conseguenza l’interesse della controparte, “padrone” o Potere politico. Li hanno sempre chiamati CRUMIRI“. Più avanti si specificava con riferimento agli operai del cantiere Tav di Chiomonte: “… La loro scelta egoista individuale li mette fuori dalla loro comunità e li condanna meritatamente a una difficile convivenza sul territorio. Quel loro essere “operai” non pulisce le coscienze. Rimangono solo CRUMIRI.”

Per queste parole scritte, il sottoscritto veniva fatto oggetto per diversi giorni di furibondi attacchi mediatici in cui era definito come minimo un terrorista. I più offensivi vennero da parte di Paolo Griseri di Repubblica, del solito sen. Esposito che pubblicava un suo post dal titolo esplicito “Bisogna fermare Fabrizio Salmoni” , apparentemente degno della Russia di Putin, e dalla parlamentare Pd Silvia Fregolent che affermava su L’Unità : “Le minacce deliranti agli operai e alle forze dell’ordine sono azioni di terrorismo“.  Per queste e simili parole i tre campioni della lobby del Tav si beccavano le mie querele per minacce e diffamazione. Pochi mesi fa, il mio legale mi informava che la Procura torinese addetta alla repressione dei valsusini, aveva presentato istanza di archiviazione per Griseri. A cui ci siamo opposti e da quel momento il caso è sparito dai radar.

 

PGriseriFoto: Paolo Griseri

Ora dalla Procura di Roma arriva analoga richiesta di archiviazione della querela nei confronti dell’on. Fregolent con la motivazione che “si tratterebbe di espressioni pronunciate nell’esercizio della funzione parlamentare“, cioè che l’onorevole si fa scudo dell’immunità parlamentare. Motivazione che non dà spazio a opposizione. Insomma, l’ennesima riprova che se sei parlamentare puoi permetterti di insultare o minacciare chiunque senza subire conseguenze.

Ogni commento si perde nellla zona grigia creata dalla lobby del Tav, una zona grigia fatta di menzogne, mancanza di trasparenza, diritto e giurisprudenza calpestati. La casta usa i propri privilegi per poter impunemente delinquere e ciò facendo si distacca sempre di più dai cittadini e dal principio per cui la legge è uguale per tutti. Per chi ci crede ancora.

Ci conforta sapere che, viste le inchieste giudiziarie presenti e sicuramente future sulla corruzione e sull’illegalità nella gestione delle grandi opere, tutti i responsabili  in un futuro meno lontano delle scadenze della Torino-Lione dovranno rispondere delle loro azioni. E allora non si tratterà solo di diffamazione. (F.S. 26.4.2015)

stefano-esposito-770x512

 

 

 

Annunci

Info mavericknews
Organizzatore di eventi, laurea e master all'Università del Texas in Studi Americani, giornalista pubblicista dal 2009. Direttore della rivista American West, si dedica poi alle tematiche ambientali e alla cronaca delle lotte sociali. I suoi articoli sono stati pubblicati su Tg Maddalena, Tg Vallesusa, Valsusa Notizie, Prendocasa, Carmilla Online, Contropiano. Ha co-prodotto l'inchiesta filmata La Baita- Presidio No Tav in Val Clarea. Per Lu:Ce edizioni, ha pubblicato Resa dei Conti alla Maddalena. 2010-2011. Diario di due anni di lotta contro l'Alta Velocità in Valle di Susa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...