Morgando via col vento

Il segretario regionale Pd contestato a Caselette. Negato il dibattito pubblico annunciato. Curto (Sel): ’Ferrentino? Dove va porta fortuna. Forza Antonio!’

 Caselette (To). Un magnifico, impetuoso vento sotto il magico Musinè ha ieri sera spazzato via l’aria fritta del pesce del locale Festival Pd e quella delle parole del Segretario regionale Morgando. Era previsto, come da manifesto, un dibattito pubblico dopo gli interventi ufficiali ma di fronte alla contestazione No Tav il dibattito è stato negato. C’è da sorprendersi?

In un’atmosfera da saloon (risate, schiamazzi del pubblico cenante) un presentatore emulo di Frassica ha introdotto il tema della serata (politica e antipolitica) e gli ospiti: Pacifico Biancheri (coordinatore dei Sindaci Pd in Valle), il Sindaco di S. Ambrogio Fracchia, il Presidente della Comunità Montana Sandro Plano, il Segretario di Sel Michele Curto.  Di fronte, una decina di iscritti e una cinquantina di No tav del locale Comitato ed una palese incongruenza (o novità?): ma Morgando non voleva espellere Plano fino a poche settimane fa?

Dopo un introduzione del Biancheri che ha recitato la sua lezioncina, i primi applausi sono andati a Fracchia che ha sottolineato l’uso improprio del termine antipolitica chiarendo che antipolitica la fa chi non parte dalle esigenze della propria comunità. Il lavoro da fare – secondo il Sindaco di S. Ambrogio – è quello di ascoltare la gente ed impegnarsi in prima persona; se questo ha fatto la mia lista civica e così  fanno i 5 Stelle, il termine antipolitica è da applicare a chi fa l’inverso. Sul valore della politica come passione disinteressata ha  parlato anche Sandro Plano mentre Curto ha fatto una lunga digressione sugli squilibri della situazione economica e politica nazionale, sull’’abbassamento progressivo dell’’asticella della partecipazione e del benessere’ dei ceti sociali ottenuto con le politiche attuali. Nell’aria aleggiava il fantasma del Tav che nessuno degli oratori riteneva di esplicitare. L’intervento di Morgando faceva infine chiarezza sui connotati dell’antipolitica in questione: non una parola di riflessione autocritica, non un commento sui fiaschi di Avigliana e Rivalta ma solo una difesa della scelta del partito di sostenere Monti come ‘ultima spiaggia’ prima del default e l’enunciazione dei presunti ‘meriti’ attuali quali la rinuncia a metà dei rimborsi, e degli obiettivi: la diminuzione del numero dei parlamentari ed il ritorno ad un sistema elettorale che, grazie alle primarie, faccia esprimere all’elettorato la scelta dei candidati. La platea rumoreggiava per quelle che venivano ritenute idee tardive dettate dalla consapevolezza di un terreno elettorale che sta sfuggendo sotto i piedi. Una presa in giro consapevole della gente che avrebbe voluto chiedere conto del non detto: l’altra metà dei rimborsi e i due euro a voto previsti e accettati da tutti i partiti oppure il lavoro per il Tav affidato a ditte di pregiudicati in odore di ‘ndrangheta e protette dalla polizia o ancora il rapporto economico del partito con la Cmc e il discusso ‘trasferimento’ dell’appalto di Chiomonte o l’alleanza con il centrodestra a Rivalta e Avigliana così fortemente sostenuta dal’On. Esposito e clamorosamente fallita. Ma non c’è stato verso: dibattito cancellato per dar luogo ad una premiazione. Finiva in aperta contestazione con un Morgando livido protetto da due energumeni (v. filmato su http://tgmaddalena.blogspot.it ), e Michele Curto che, interpellato dal Tg Maddalena sulla posizione ‘controcorrente’ di Ferrentino in Sel, rispondeva: Il nostro è un partito aperto ma la linea è chiara: siamo contro l’Alta Velocità e poi finora Ferrentino ha portato bene: è andato a Rivalta e ad Avigliana a remare contro ed abbiamo vinto. Forza Antonio!’. Fuori, il vento soffiava con forza portandosi via le chiacchiere vuote e fasulle dell’antipolitica.(F.S. 5.6.2012)

Annunci

Info mavericknews
Organizzatore di eventi, laurea e master all'Università del Texas in Studi Americani, giornalista pubblicista dal 2009. Direttore della rivista American West, si dedica poi alle tematiche ambientali e alla cronaca delle lotte sociali. I suoi articoli sono stati pubblicati su Tg Maddalena, Tg Vallesusa, Valsusa Notizie, Prendocasa, Carmilla Online, Contropiano. Ha co-prodotto l'inchiesta filmata La Baita- Presidio No Tav in Val Clarea. Per Lu:Ce edizioni, ha pubblicato Resa dei Conti alla Maddalena. 2010-2011. Diario di due anni di lotta contro l'Alta Velocità in Valle di Susa.

One Response to Morgando via col vento

  1. Fabrizio says:

    Fischia il vento, urla la bufera, appunto: http://www.youtube.com/watch?v=V66CBtsqj40&feature=related.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...