Stefano Esposito: la deriva estremista di un PD sempre più lontano dalle proprie origini

Per chi non fosse piemontese è necessario dire di chi parliamo per prendere spunto del nostro discorso. C’è un parlamentare PD che si è preso molto a cuore la questione Tav e che presidia quel suo spazio di intervento politico come i poliziotti presidiano la Maddalena: a muso duro e spesso ‘sopra le righe’. Era portaborse dell’Assessore comunale al Verde Urbano (!) Tricarico e viaggiava con lui quando c’erano trattative con le aziende per assegnare spazi pubblici alle stesse. Raramente queste andavano deluse: nell’era Chiamparino (e Tricarico) in cui il Piano Regolatore era una pura astrazione filosofica, il Verde Urbano agonizzava e Torino si riempiva di centri commerciali. Leggi il resto dell’articolo

Annunci

Ronnie Dunn

Ronnie Dunn

(Arista, 2011)

 

Ad un anno dalla separazione con Kix Brooks con cui ha dato vita al più celebre e venduto country duo di tutti i tempi, esce il primo solo album di quello dei due ritenuto, a ragione, il più dotato di talento. Quella di Ronnie Dunn è senza dubbio una delle migliori voci del country di sempre, capace di comunicare incredibili emozioni soprattutto nelle ballate lente ma anche di dare grande energia al rock da roadhouse di cui il duo è sempre stato alfiere. Lo stile di questo album è lo stesso dei precedenti con Brooks, a riprova che forse la vera anima era proprio Dunn il quale firma due e co-firma sette delle 12 tracce oltre a produrle interamente. Leggi il resto dell’articolo

Zac Brown Band

Pass the Jar. Live 2 CD + DVD

(Southern Ground, 2010)

Per chi non li conoscesse (tanti probabilmente, in Italia), la ZBB è la rivelazione country del 2008 con i singoli Chicken Fried, Toes, Whatever It Is ( tre n. 1 consecutivi in classifica ), l’album The Foundation (multiplatino), l’Horizon Award 2009 della Country Music Association, Band of the Year 2010 Academy of Country Music più molteplici altri riconoscimenti. Ma il dato interessante per il grande pubblico italiano sempre (a torto) diffidente verso le produzioni country è che la ZBB non è solo e puramente country: non a caso è stata prodotta dalla Atlantic, etichetta generalmente rivolta al mercato R&B. Il suono di questi cinque della Georgia ricorda molto da vicino quello della Band Leggi il resto dell’articolo

Torino. Music Commission e politiche dell’entertainment

 20.7.2011

Ho seguito l’invito di Valerio Manni dalle colonne di Lo Spiffero del 13 Luglio a farmi domande sulla paventata Music Commission e mi sono dato delle risposte, anche perché conosco piuttosto bene i precedenti. Sono stato responsabile del Progetto Musica dell’Assessorato comunale alla Gioventù dal 1982 al 1989 come consulente esterno sotto assessori vari: Alfieri, Leo e ‘Dio ce ne scampi!’Angeleri. Come qualcuno si ricorderà, si puntava a rendere la musica torinese ‘visibile’ e ‘vendibile’ Leggi il resto dell’articolo

I soliti 30.000 gatti! Ma questa volta a Torino

8 Luglio notte

 Se me l’avesse predetto una maga Circe non ci avrei creduto lo stesso. E forse non sono il solo ad avere avuto dubbi su una manifestazione No tav a Torino convocata in due giorni. E invece è successo l’imprevedibile: una folla enorme invitata dalla Fiom, dai Comitati valsusini e da un gruppo di intellettuali torinesi indipendenti (Marco Revelli, Luca Mercalli, Gianni Vattimo, Livio Pepino, e alcuni altri) ha probabilmente scosso equilibri politici che si ritenevano ormai solidificati. E’ stato il popolo dei beni comuni a mobilitarsi e a dare vita ad una manifestazione contro l’alta velocità come forse non si era mai vista. Stavo in piedi sulla banchina tranviaria in piazza Castello a guardare e filmare un corteo che riempiva via Pietro Micca e ci ha messo più di mezz’ora per sfilarmi davanti mentre la testa era già in via Po. Leggi il resto dell’articolo

Assedio! Il fortino resiste a stento all’assalto di una massa enorme di manifestanti disarmati.

3 Luglio sera.

E’ stata quasi una manifestazione autoconvocata quella di oggi. A partire dal lunedì dello sgombero sono state talmente tante le comunicazioni di solidarietà che non si poteva pensare di disgiungere la richiesta di reazione dei movimenti di tutta Italia dalla necessità di risposta No Tav.  Già mercoledì sera i bus previsti erano più di 100, ad oggi erano almeno 250; senza contare chi arrivava in treno, in auto e naturalmente i valsusini. Il Coordinamento dei Comitati ha avuto il suo bel da fare ad organizzare l’accoglienza e la logistica tanto più che la discussione di giovedì scorso riguardava giocoforza gli obiettivi e l’atteggiamento della manifestazione; con il non malcelato timore che potesse divenire incontrollabile. Leggi il resto dell’articolo

Tutti alla Maddalena!

1.7.2011

E’ stata presentata in Conferenza Stampa tenuta in territorio nemico cioè presso il Consiglio Regionale la manifestazione nazionale che darà l’avvio all’assedio permanente del fortino da parte della gente di Val Susa, un assedio che mira a rendere la vita impossibile alle truppe e agli operai delle ditte che lavorano al cantiere, a far lievitare i costi dell’occupazione creando più intoppi possibile. In grande quello che è stato fatto l’anno scorso contro la trivella di Buttigliera.  La giornata di lunedì 27 ha portato il movimento No tav sui titoli di testa scatenando una ridda di manifestazioni di solidarietà in tutta Italia. Leggi il resto dell’articolo

E’ occupazione militare. E hanno già fatto un morto

30.6.2011

Non è un cantiere, è un fortino. Altro che le barricate del presidio indicate da Esposito come evidenze di strutture militari. Chi guarda come hanno ridotto la Maddalena in pochi giorni non crede ai propri occhi: sembra una Guantanamo. Barriere in plexiglas antitaglio rette da pali infissi nel cemento, reticolati di filo spinato, reti metalliche. E stringe il cuore vedere i sentieri stuprati dalle ruspe che spianano la via sradicando la vegetazione. Hanno recintato aree che non sono comprese nel progetto di cantiere, anche private; la polizia ha occupato il Museo Archeologico e ne ha fatto una caserma Leggi il resto dell’articolo