Il Questore Faraoni, un uomo solo.

23.6.2011

In un magnifico pomeriggio di sole, increspato solo a tratti da qualche nuvola che porta un po’ di fresco, la Libera Repubblica della Maddalena brulica di attività e di varia umanità. L’agorà tra i tendoni è il luogo dove si commentano le notizie del giorno ma naturalmente l’argomento principale sempre lo stesso ormai da un mese: se, quando e come arriveranno. Si confrontano le versioni dei media e si legge tra le righe di ogni dichiarazione e comunicato: negli anni, i No tav sono diventati esperti nel capire le mosse del potere, il resto lo fanno le ‘sentinelle’ lungo le strade che portano all’Alta Valle, quelle che controllano i movimenti di truppa in Torino e le occasionali ‘fughe di notizie’.

Cosa aspettano ad arrivare? E’ la domanda più ricorrente. I castigamatti sono stati ormai sollecitati da tutti i portavoce della lobby pro-tav piemontese, dal Prefetto, dai Ministri Maroni e Matteoli; i piani sono stati fatti e rifatti, le provocazioni della mafia pro-tav (pallottole, lettere al veleno, ecc.) hanno tentato di far salire la tensione mediatica per sollecitare lo sgombero, gli stessi media locali hanno contribuito a mantenerla alta reiterando le falsità della ‘sassaiola contro gli operai’ e mandando i loro galoppini a cercare la rissa per poter reiterare altre falsità. Insomma, il Questore non dovrebbe più esitare, e invece esita. Credo che lo si possa capire: lo si è lasciato solo con il problema di espugnare il forte, con l’enorme responsabilità di avviare un processo che potrebbe rivelarsi pesantissimo e protrarsi molto a lungo, con la possibilità che i suoi reparti-killer facciano il morto e probabilmente molti feriti per un obiettivo tatticamente difficile e politicamente sempre più spinoso: allora lui sarebbe il colpevole, di incapacità, di mala gestione, ecc..  Perché quando le conseguenze dello sgombero dovessero portare per le strade della Valle decine di migliaia di persone diventerebbe chiaro il problema politico di aver a che fare con un’intera comunità e non con 150 facinorosi. Ed in caso di stallo sul campo, cioè di perdurante disordine, e quindi di possibile vittoria politica del movimento, lui sarebbe il capro espiatorio. Lui lo sa e forse ha chiesto ordini scritti che i mandanti politici non gli danno, perché dietro la facciata decisionista sono in confusione, divisi: il PDL è in difficoltà per le sconfitte politiche, per le inchieste sulla ‘ndrangheta che lo coinvolgono pesantemente e per la fronda di Bonsignore che vorrebbe il Tav via Genova ed in questi giorni si decide proprio il Terzo Valico, più facile tecnicamente e molto meno costoso; inoltre lo stesso tuonante  Matteoli  non si presenta a Bruxelles e Giachino non sostiene la politica tariffaria per disincentivare  il traffico su gomma; la Lega è sempre stata tiepida sul Tav: anch’essa preferisce la direttiva su Milano e Gottardo ed in più non è così entusiasta di bastonare una popolazione locale, specie in un momento di debolezza politica. Rimane il PD, apparentemente monolitico in materia Tav: non può deludere i poteri forti locali pena il disconoscimento di partner privilegiato e l’indebolimento dei rapporti indispensabili per governare con pochi problemi. E’ tuttavia un PD che sa che la responsabilità di quanto potrebbe accadere gli verrebbe attribuita da quella parte di elettorato che ha fatto vincere i sì al referendum e che ha recentemente premiato proprio quei movimenti e quegli outsiders naturalmente contigui alle istanze dei No tav. Così, aldilà degli strepiti di Esposito e di Merlo, che hanno puntato personalmente la loro carriera politica sull’offrirsi come referenti futuri ai poteri forti, forse qualche incertezza la sente anche il PD, nelle pieghe del suo complesso corpaccione.

Il Questore sa tutto questo e prende tempo. In fondo tra un mesetto se ne andrà per avvicendamento e chi glielo fa fare di impegolarsi in un colossale ginepraio? Lo capisco e non lo invidio. Ad oggi ha solo due alternative: prendere il toro per le corna ed ordinare l’attacco, duro e violento, sperando di risolvere in fretta con la brutalità e meritarsi le medaglie oppure bluffare, tentare un blitz relativamente ‘morbido’ che lo metterebbe al riparo delle critiche, metterebbe in risalto le tante difficoltà e farebbe ripartire una situazione di stallo: lui potrebbe dire di aver fatto il possibile e offrirebbe ai politici una buona opportunità di tirarsi fuori da un’impresa in cui forse anche loro non credono più. Seguirebbe una resa dei conti tutta interna alla politica da cui il Questore, con l’avvicendamento, si chiamerebbe tempestivamente fuori. Mai troppo presto. (F.S.)

Annunci

Info mavericknews
Organizzatore di eventi, laurea e master all'Università del Texas in Studi Americani, giornalista pubblicista dal 2009. Direttore della rivista American West, si dedica poi alle tematiche ambientali e alla cronaca delle lotte sociali. I suoi articoli sono stati pubblicati su Tg Maddalena, Tg Vallesusa, Valsusa Notizie, Prendocasa, Carmilla Online, Contropiano. Ha co-prodotto l'inchiesta filmata La Baita- Presidio No Tav in Val Clarea. Per Lu:Ce edizioni, ha pubblicato Resa dei Conti alla Maddalena. 2010-2011. Diario di due anni di lotta contro l'Alta Velocità in Valle di Susa.

2 Responses to Il Questore Faraoni, un uomo solo.

  1. alessio says:

    complimenti, bellla analisi, veramente centrata. Visti i risultati….ma va,,,,,

    • Maverick says:

      Ebbene? Il Questore ha scelto la prima opzione per meritarsi le medaglie. Sui risultati purtroppo non c’erano alternative realistiche e nessuno ha mai pensato che di potesse impedire uno sgombero militare.
      Maverick

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...