Aria pulita. Il Movimento 5 Stelle presenta la lista per le elezioni amministrative

I Cinque Stelle, detti banalmente ‘grillini’ per prendere ispirazione dai pensamenti e dai messaggi di Beppe Grillo, hanno presentato a Torino la lista di candidati per le elezioni amministrative prossime. Dopo aver razziato voti a destra e sinistra alle regionali (e per questo invisi a tutte le forze politiche) ora si apprestano a dare altri dispiaceri con una campagna elettorale condotta quasi interamente per vie telematiche visto che quelle dei media tradizionali sono dominate dai partiti e quindi poco disponibili a concedere spazi ed exposure.

Vittorio Bertola, 36 anni, ingegnere elettronico con un’invidiabile esperienza internazionale e che molti nella Torino giovane ricorderanno per aver inventato il sito di downloads Vitaminic, è il candidato Sindaco che guida una squadra di cittadini altrettanto giovani al loro primo serio impegno civile. E’ aria pulita quella che si respira in mezzo a loro: tutti provengono dall’Associazionismo, dalla nuova imprenditoria, dal lavoro dipendente, persino dallo spettacolo. L’appello che lanciano è di condividere la loro scelta e mettersi al servizio della comunità secondo regole che il Movimento si è dato tra cui spiccano la non provenienza dai partiti, l’incensurabilità penale, la rotazione a due anni dagli incarichi di rappresentanza.

Il focus del programma (reperibile sul sito www.piemonte5stelle.it) è il lavoro e l’ambiente. C’è lavoro per tutti – dicono- nella Torino diversa che si prefigurano, c’è pulizia nell’aria e nell’amministrazione, c’è meno cemento e più attenzione alle nuove energie. Non c’è il TAV, esempio attuale di spreco di fondi pubblici a fini molto privati. L’impegno è di ripensare i modelli di sviluppo insieme a tutti coloro, gruppi, movimenti, associazioni che hanno voglia di partecipazione.

L’obiettivo? Entrare in Consiglio comunale, fare da stimolo per le innovazioni (un candidato PD ha appena fatto propria la proposta 5 Stelle di wi-fi gratuito) e da sentinelle per la società civile come già stanno facendo in Regione, avversati da tutti.

Ce la faranno? I loro sondaggi li danno tra il 3 e il 7% che corrisponde mediamente ad almeno due consiglieri. E la campagna è solo all’inizio. (F.S. 5/2/2011)

 Prossimi appuntamenti 5 Stelle in Piemonte:

 11 Febbraio, ore 21, Sala Operti, c. Siracusa 213, Torino. Fuori i soldi dalla Politica (Campagna per ridurre gli stipendi dei Consiglieri regionali)

Un’alternativa

Quanti ne conosciamo che non sanno più che ‘Santo’ votare alle elezioni! Quanti votano quello che hanno sempre votato, a destra e a sinistra, con una sofferenza interiore degna di miglior pena! Dicono sempre: ci fosse un’alternativa…e questo la dice lunga sullo stato della democrazia, una condizione generale di cui non si può fare a meno ma che non può limitarsi per il cittadino  ad un voto nell’urna ogni tot anni e poi…vada come vada. La classe politica che ci ritroviamo è responsabile del declino delle regole e della partecipazione, del senso civico e di quello delle istituzioni. E’ una classe politica rapace, che prende al volo tutto quanto può prendere e che ha trasformato la nostra democrazia  in un sistema integrato di partiti e poteri economici, in un legame perverso che garantisce sopravvivenza e prosperità per tutti, in un patto di mutuo soccorso che si concretizza soprattutto nella gestione concordata del danaro pubblico. Un do ut des che non permette alcun cambiamento sia nella società che nell’elaborazione di linee di prospettive future.

Non è qualunquismo rilevare le residue sottilissime differenze tra gli schieramenti politici, talmente sottili da alimentare nella gente il qualunquismo stesso, la passività e la rassegnazione. E’ questo che vogliamo? Pensiamoci quando andremo a votare: chi vuole un’alternativa ora ce l’ha.

Annunci

Info mavericknews
Organizzatore di eventi, laurea e master all'Università del Texas in Studi Americani, giornalista pubblicista dal 2009. Direttore della rivista American West, si dedica poi alle tematiche ambientali e alla cronaca delle lotte sociali. I suoi articoli sono stati pubblicati su Tg Maddalena, Tg Vallesusa, Valsusa Notizie, Prendocasa, Carmilla Online, Contropiano. Ha co-prodotto l'inchiesta filmata La Baita- Presidio No Tav in Val Clarea. Per Lu:Ce edizioni, ha pubblicato Resa dei Conti alla Maddalena. 2010-2011. Diario di due anni di lotta contro l'Alta Velocità in Valle di Susa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...